Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina?

Le stampanti 3D a base di resina che utilizzano la stereolitografia (SLA) e in particolare l’elaborazione digitale della luce (DLP) stanno diventando più comuni e molto più convenienti. Esistono opzioni a livello di prosumer come Kentstrapper e Zortrax, ma si possono avere stampanti più economiche come Anycubic Photon Photon S e Zero per poche centinaia di euro. Molte stampanti e tipi di resina possono anche essere ordinati direttamente da questo store, proprio in questo momento.

Le stampe in resina possono sembrare fantastiche, quindi quando ha senso passare a una di queste stampanti in resina economiche? Per saperlo, considera le seguenti cose:Il processo di stampa e la produzione delle stampanti in resina non sono gli stessi delle stampanti a filamento. Considerazioni di progettazione, pre-elaborazione e post-elaborazione sono molto diverse.La stampa in resina ha un flusso di lavoro diverso, con materiali di consumo e costi nascosti oltre il prezzo delle ricariche di resina.

Le cose potrebbero non essere proprio dove le stampanti a modellazione a deposizione fusa (FDM) erano solo pochi anni fa quando eravamo estremamente colpiti dalla qualità della stampante che si poteva ottenere per circa 200 euro, ma è senza dubbio molto più accessibile che mai. Diamo un’occhiata a come informare una decisione sull’opportunità di fare il grande passo.La stampa giusta per il lavoro

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 2

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 2

Le stampanti FDM depositano la plastica fusa con un ugello caldo, mentre le stampanti SLA / DLP utilizzano una sorgente di luce ultravioletta per polimerizzare la resina UV liquida in un solido. Entrambi costruiscono un oggetto tridimensionale uno strato alla volta, costruendo sempre il livello successivo sulla base del livello precedente.

Finora lo stesso, ma in pratica hanno flussi di lavoro molto diversi e producono risultati diversi e sono quindi bravi in ​​cose diverse.

Ciò significa che quando si tratta di un buon design, ciò che è intuitivo per le stampanti basate su filamenti non si ripercuote necessariamente. Ad esempio, quando si stampa resina 3D:Le dimensioni di stampa sono piccole

Rispetto alle stampanti FDM, costruire piattaforme per la resina può sembrare incredibilmente piccolo. Le stampanti SLA più economiche hanno piattaforme di costruzione che hanno all’incirca le dimensioni di uno schermo di un telefono cellulare. Che, come accade, è esattamente da dove provengono i loro LCD (con l’aggiunta di una retroilluminazione UV per curare la resina).Il modello è sotto stress tra ogni livello

Un processo “peel” estrae il modello dalla superficie di costruzione dopo ogni strato e il modello deve resistere a questo. Ogni nuovo strato deve essere su una base solida e il modo migliore per garantire una buona base è con i supporti. Un orientamento del modello che offre una sezione trasversale minima (e quindi un’area minima per strato) ridurrà le forze di distacco.Zattere e supporti multipli sono la norma

Con i supporti di stampa FDM sono spesso evitabili, ma non così con la resina. I supporti forniscono struttura e robustezza complessive al modello poiché è soggetto a forze di cui le stampe FDM non devono preoccuparsi. Zattere e supporti sono la norma, non l’eccezione.Praticamente nessuna tolleranza per sporgenze e ponti

Rispetto alle stampanti FDM, la stampa in resina sembrerà praticamente non tollerare sporgenze. Con FDM, uno sbalzo non supportato può provocare un bordo cadente o una scarsa qualità della superficie, ma con la stampa di resina è probabile che il bit non supportato si rompa o galleggi via (o rimanga bloccato sulla superficie di costruzione), contaminando la resina e interferendo con la stampa. Un orientamento della parte che rende i cambi di strato il più graduali possibile minimizzerà la pendenza degli strapiombi e quindi minimizzerà la necessità di supporti.Le stampe in resina richiedono una post-elaborazione più ampia

Le stampe devono essere risciacquate senza resina non indurita mediante lavaggio in alcool isopropilico e lasciate asciugare. Successivamente, potrebbe richiedere un’esposizione ai raggi UV per un’ulteriore polimerizzazione (più su tutto ciò in un momento).Prestare attenzione alle tazze e alle isole quando si orientano le stampe

Le tazze sono parti vuote di un modello che possono creare una forza di aspirazione contro la superficie di costruzione durante il processo di buccia. Questa aspirazione può indebolire o distorcere le stampe in corso. Le tazze vengono evitate assicurando l’esistenza di fori di drenaggio o altri spazi vuoti per interrompere qualsiasi potenziale aspirazione.

Le isole sono parti di un modello che iniziano separate l’una dall’altra, ma si uniscono più tardi nella stampa. Con la stampa in resina è meglio evitarli, soprattutto se sono sottili o lunghi o se la parte ha requisiti dimensionali precisi. Le isole alte o sottili mancheranno delle fondamenta stabili del resto del modello e, mentre stampano e si sbucciano più e più volte, possono spostarsi leggermente. Quando si ricollegano al resto del modello, potrebbero non essere precisi come previsto (supponendo che non si interrompano prima di allora).Maneggiare la resina (e le parti senza risciacquo) con i guanti

Tutte le operazioni che coinvolgono la resina non polimerizzata devono essere eseguite con guanti (e idealmente protezione per gli occhi). Se la resina si presenta sulla pelle, lavarla immediatamente con acqua e sapone.

La maggior parte della messa a punto del modello di prestampa consisterà principalmente nel trovare un orientamento ottimale del modello che bilancia la necessità di supporti con il desiderio di ridurre al minimo gli oneri di post-elaborazione causati da una vasta foresta di supporti.In che modo il flusso di lavoro è diverso dall’FDM?

Ecco i passaggi generali coinvolti tra il MODELLO IMPORT e la RICEZIONE STAMPA che evidenziano le differenze tra le stampanti a base di filamento e quelle in resina:Pre-elaborazione:Scegli un orientamento del modello che offra un buon equilibrio tra un numero gestibile di supporti e fornisca una struttura sufficiente per resistere alle forze di sbucciatura.Evitare tazze, sporgenze, ponti non supportati e isole.Cerca di avere dettagli e superfici di presentazione sulla faccia opposta dei supporti il ​​più possibile.Impostazioni della stampante:Imposta la piattaforma di costruzione e il serbatoio di costruzione. Se si cambiano i tipi di resina, assicurarsi che entrambi siano stati puliti per primi.Versare la resina. Evitare di esporre la resina alla luce. Indossa guanti e protezioni per gli occhi e segui tutte le precauzioni di sicurezza (che generalmente si riducono a “non metterlo sulla pelle e, se lo fai, lavalo immediatamente.”)Evitare di mescolare tipi di resina, che possono avere proprietà e requisiti di tempo di esposizione diversi.Post-stampa:

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 3

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 3

Dopo la stampa, la parte assomiglierà a una cosa di plastica dura che gocciola con resina sciropposa. Sciacquare via la resina non indurita lavando la parte in alcool isopropilico e lasciare asciugare la parte.Alcune resine richiedono un’ulteriore polimerizzazione post-stampa. Questo può essere fatto con una scatola di cura fai-da-te o lasciando la parte alla luce del sole.Rimuovere i supporti con le frese a filo (o spezzandole se la finitura superficiale non è importante) quindi procedere con altre post-lavorazioni come levigatura o verniciatura. Trattare con i supporti, specialmente in aree delicate, è un problema abbastanza grande che ho creato uno strumento per facilitare la loro rimozione.

Ho altre due osservazioni relative ai materiali e al flusso di lavoro generale: ventilazione e temperatura.

La ventilazione fa bene all’area di stampa e movimentazione, poiché alcune resine non polimerizzate hanno un odore di plastica prominente e acre. (Sebbene nella mia esperienza le resine Formlabs standard non abbiano alcun odore particolare. Né le loro resine standard richiedono alcuna ulteriore polimerizzazione UV post-stampa.)

La temperatura ha un effetto sul tempo di indurimento delle resine. Più fredda è la resina, più lenta guarisce. Le stampanti senza serbatoi di costruzione a temperatura controllata (cioè tutte quelle economiche) beneficeranno di un’area di lavoro che viene mantenuta a una temperatura ambiente stabile per i risultati più coerenti.Quando la stampa in resina ha senso

Schiacciare ACQUISTA su una stampante in resina economica dal tuo rivenditore preferito ha assolutamente senso se sei pronto ad accettare o trattare ciascuno dei seguenti:Il volume di costruzione ti limiterà a piccoli oggetti.La preparazione, la manutenzione e la manipolazione possono essere disordinate e richiedono guanti. La ventilazione è buona a causa dell’odore di alcune resine e della necessità di lavare le stampe finite in alcool.I materiali di consumo includono più della resina e dell’alcool per il lavaggio delle parti. Anche la superficie di costruzione del serbatoio deve essere sostituita periodicamente. Per gli stampatori hobbisti, questo è un sottile film plastico come la pelle di un tamburo. Con le stampanti Formlabs, fa parte del serbatoio di compilazione.Il processo di installazione e pulizia della resina deve essere eseguito indipendentemente dalle dimensioni del lavoro, quindi è più efficiente eseguire stampe in batch piuttosto che singole tra loro. La resina ha anche una durata di conservazione limitata, quindi la resina seduta in un serbatoio di costruzione dovrebbe essere utilizzata prima piuttosto che dopo.Vi è un maggiore onere di post-elaborazione sotto forma di lavaggio delle parti, polimerizzazione aggiuntiva e rimozione del supporto.

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 4

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 4

Tutto ciò significa che ci sono costi nascosti per la stampa di resina oltre il prezzo della stampante e una bottiglia di resina. Se queste cose sembrano accettabili, allora approfitta delle opzioni economiche disponibili per la stampa su resina da scrivania e inizia a sperimentare. Perché quando le stampe escono bene, possono sembrare fantastiche.

Tieni presente che una stampante in resina non è in grado di sostituire la tua stampante basata su filamenti, perché sono strumenti diversi che sono bravi in ​​cose diverse.

Non sei pronto a fare il grande passo? Prototipare con FDM ed esternalizzare una stampa in resina è sempre un’opzione. Per quelli di voi che hanno già iniziato, quali sono le vostre esperienze con la stampa con resina? Qualche consiglio per il resto di noi? Fateci sapere nei commenti!

Source