Per gli impianti antifurto è possibile la detrazione fiscale 2020

Per l’installazione degli impianti antifurto è possibile beneficiare della detrazione fiscale 2020. Ma di quale? Vediamo quello che serve sapere.

Rispondendo al quesito di un contribuente, Fisco Oggi ha ricordato che “gli interventi sulle singole unità immobiliari effettuati per prevenire atti illeciti da parte di terzi (come, per esempio, l’istallazione di allarme o di sistemi di videosorveglianza digitale) danno diritto alla detrazione del 50% delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici (art. 16-bis, comma 1, lett. f del Tuir)”.

E’ stato quindi sottlineato che “per atti illeciti si intendono quelli penalmente illeciti (per esempio, furto, aggressione, sequestro di persona) e che, in questi casi, la detrazione si applica solo alle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili (non rientra nell’agevolazione, per esempio, il contratto stipulato con un istituto di vigilanza)”.

Ma attenzione. Secondo quanto evidenziato, infatti, “questa tipologia di interventi non è compresa tra quelli che danno diritto anche alla detrazione per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (bonus mobili), a meno che, per le loro particolari caratteristiche, non siano anche inquadrabili tra gli interventi edilizi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro o risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia (circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 13/2019)”.

La detrazione fiscale 2020 per gli impianti antifurto è dunque possibile, ma a determinate condizioni. Nello specifico, gli interventi sulle singole unità immobiliari effettuati per l’istallazione di allarme o di sistemi di videosorveglianza digitale possono beneficiare della detrazione del 50% delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici. Via libera, quindi, in tal caso al bonus ristrutturazione. Per quanto riguarda il bonus mobili, gli interventi – per le loro particolari caratteristiche – devono rientrare tra quelli di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro o risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia.

Articolo visto su
Ristrutturazioni edilizie e bonus mobili (Fisco Oggi)

Source

Google Home in casa: Perché è fondamentale

Google Home in casa: Perché è fondamentale 1

Google Home in casa: Perché è fondamentale 1

Ultime Novità 18 Luglio, 2020

Perché Google Home è fondamentale in casa? Scopriamo tutte le funzioni, caratteristiche tecniche e vari modelli e prezzi dei dispositivi intelligenti targati Google.

Google Home in casa: Perché è fondamentale 2

Google Home in casa: Perché è fondamentale 2

Partiamo col dire che un Assistente Vocale è quel dispositivo su quale è installato un programma in grado di comprendere il linguaggio umano, elaborare i dati ottenuti e trasmettere una risposta tramite linguaggio vocale.

In parole spicce ascolta le nostre indicazioni e le esegue o le domande che noi gli poniamo e con una rapida ricerca online è in grado di fornirci la risposta corretta.

Nel tempo le funzioni utili per la casa si sono moltiplicate e vanno da semplici funzioni come chiedere l’ora, il meteo ed il traffico a configurazioni con dispositivi di domotica e tanto altro.

Source

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina?

Le stampanti 3D a base di resina che utilizzano la stereolitografia (SLA) e in particolare l’elaborazione digitale della luce (DLP) stanno diventando più comuni e molto più convenienti. Esistono opzioni a livello di prosumer come Kentstrapper e Zortrax, ma si possono avere stampanti più economiche come Anycubic Photon Photon S e Zero per poche centinaia di euro. Molte stampanti e tipi di resina possono anche essere ordinati direttamente da questo store, proprio in questo momento.

Le stampe in resina possono sembrare fantastiche, quindi quando ha senso passare a una di queste stampanti in resina economiche? Per saperlo, considera le seguenti cose:Il processo di stampa e la produzione delle stampanti in resina non sono gli stessi delle stampanti a filamento. Considerazioni di progettazione, pre-elaborazione e post-elaborazione sono molto diverse.La stampa in resina ha un flusso di lavoro diverso, con materiali di consumo e costi nascosti oltre il prezzo delle ricariche di resina.

Le cose potrebbero non essere proprio dove le stampanti a modellazione a deposizione fusa (FDM) erano solo pochi anni fa quando eravamo estremamente colpiti dalla qualità della stampante che si poteva ottenere per circa 200 euro, ma è senza dubbio molto più accessibile che mai. Diamo un’occhiata a come informare una decisione sull’opportunità di fare il grande passo.La stampa giusta per il lavoro

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 2

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 2

Le stampanti FDM depositano la plastica fusa con un ugello caldo, mentre le stampanti SLA / DLP utilizzano una sorgente di luce ultravioletta per polimerizzare la resina UV liquida in un solido. Entrambi costruiscono un oggetto tridimensionale uno strato alla volta, costruendo sempre il livello successivo sulla base del livello precedente.

Finora lo stesso, ma in pratica hanno flussi di lavoro molto diversi e producono risultati diversi e sono quindi bravi in ​​cose diverse.

Ciò significa che quando si tratta di un buon design, ciò che è intuitivo per le stampanti basate su filamenti non si ripercuote necessariamente. Ad esempio, quando si stampa resina 3D:Le dimensioni di stampa sono piccole

Rispetto alle stampanti FDM, costruire piattaforme per la resina può sembrare incredibilmente piccolo. Le stampanti SLA più economiche hanno piattaforme di costruzione che hanno all’incirca le dimensioni di uno schermo di un telefono cellulare. Che, come accade, è esattamente da dove provengono i loro LCD (con l’aggiunta di una retroilluminazione UV per curare la resina).Il modello è sotto stress tra ogni livello

Un processo “peel” estrae il modello dalla superficie di costruzione dopo ogni strato e il modello deve resistere a questo. Ogni nuovo strato deve essere su una base solida e il modo migliore per garantire una buona base è con i supporti. Un orientamento del modello che offre una sezione trasversale minima (e quindi un’area minima per strato) ridurrà le forze di distacco.Zattere e supporti multipli sono la norma

Con i supporti di stampa FDM sono spesso evitabili, ma non così con la resina. I supporti forniscono struttura e robustezza complessive al modello poiché è soggetto a forze di cui le stampe FDM non devono preoccuparsi. Zattere e supporti sono la norma, non l’eccezione.Praticamente nessuna tolleranza per sporgenze e ponti

Rispetto alle stampanti FDM, la stampa in resina sembrerà praticamente non tollerare sporgenze. Con FDM, uno sbalzo non supportato può provocare un bordo cadente o una scarsa qualità della superficie, ma con la stampa di resina è probabile che il bit non supportato si rompa o galleggi via (o rimanga bloccato sulla superficie di costruzione), contaminando la resina e interferendo con la stampa. Un orientamento della parte che rende i cambi di strato il più graduali possibile minimizzerà la pendenza degli strapiombi e quindi minimizzerà la necessità di supporti.Le stampe in resina richiedono una post-elaborazione più ampia

Le stampe devono essere risciacquate senza resina non indurita mediante lavaggio in alcool isopropilico e lasciate asciugare. Successivamente, potrebbe richiedere un’esposizione ai raggi UV per un’ulteriore polimerizzazione (più su tutto ciò in un momento).Prestare attenzione alle tazze e alle isole quando si orientano le stampe

Le tazze sono parti vuote di un modello che possono creare una forza di aspirazione contro la superficie di costruzione durante il processo di buccia. Questa aspirazione può indebolire o distorcere le stampe in corso. Le tazze vengono evitate assicurando l’esistenza di fori di drenaggio o altri spazi vuoti per interrompere qualsiasi potenziale aspirazione.

Le isole sono parti di un modello che iniziano separate l’una dall’altra, ma si uniscono più tardi nella stampa. Con la stampa in resina è meglio evitarli, soprattutto se sono sottili o lunghi o se la parte ha requisiti dimensionali precisi. Le isole alte o sottili mancheranno delle fondamenta stabili del resto del modello e, mentre stampano e si sbucciano più e più volte, possono spostarsi leggermente. Quando si ricollegano al resto del modello, potrebbero non essere precisi come previsto (supponendo che non si interrompano prima di allora).Maneggiare la resina (e le parti senza risciacquo) con i guanti

Tutte le operazioni che coinvolgono la resina non polimerizzata devono essere eseguite con guanti (e idealmente protezione per gli occhi). Se la resina si presenta sulla pelle, lavarla immediatamente con acqua e sapone.

La maggior parte della messa a punto del modello di prestampa consisterà principalmente nel trovare un orientamento ottimale del modello che bilancia la necessità di supporti con il desiderio di ridurre al minimo gli oneri di post-elaborazione causati da una vasta foresta di supporti.In che modo il flusso di lavoro è diverso dall’FDM?

Ecco i passaggi generali coinvolti tra il MODELLO IMPORT e la RICEZIONE STAMPA che evidenziano le differenze tra le stampanti a base di filamento e quelle in resina:Pre-elaborazione:Scegli un orientamento del modello che offra un buon equilibrio tra un numero gestibile di supporti e fornisca una struttura sufficiente per resistere alle forze di sbucciatura.Evitare tazze, sporgenze, ponti non supportati e isole.Cerca di avere dettagli e superfici di presentazione sulla faccia opposta dei supporti il ​​più possibile.Impostazioni della stampante:Imposta la piattaforma di costruzione e il serbatoio di costruzione. Se si cambiano i tipi di resina, assicurarsi che entrambi siano stati puliti per primi.Versare la resina. Evitare di esporre la resina alla luce. Indossa guanti e protezioni per gli occhi e segui tutte le precauzioni di sicurezza (che generalmente si riducono a “non metterlo sulla pelle e, se lo fai, lavalo immediatamente.”)Evitare di mescolare tipi di resina, che possono avere proprietà e requisiti di tempo di esposizione diversi.Post-stampa:

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 3

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 3

Dopo la stampa, la parte assomiglierà a una cosa di plastica dura che gocciola con resina sciropposa. Sciacquare via la resina non indurita lavando la parte in alcool isopropilico e lasciare asciugare la parte.Alcune resine richiedono un’ulteriore polimerizzazione post-stampa. Questo può essere fatto con una scatola di cura fai-da-te o lasciando la parte alla luce del sole.Rimuovere i supporti con le frese a filo (o spezzandole se la finitura superficiale non è importante) quindi procedere con altre post-lavorazioni come levigatura o verniciatura. Trattare con i supporti, specialmente in aree delicate, è un problema abbastanza grande che ho creato uno strumento per facilitare la loro rimozione.

Ho altre due osservazioni relative ai materiali e al flusso di lavoro generale: ventilazione e temperatura.

La ventilazione fa bene all’area di stampa e movimentazione, poiché alcune resine non polimerizzate hanno un odore di plastica prominente e acre. (Sebbene nella mia esperienza le resine Formlabs standard non abbiano alcun odore particolare. Né le loro resine standard richiedono alcuna ulteriore polimerizzazione UV post-stampa.)

La temperatura ha un effetto sul tempo di indurimento delle resine. Più fredda è la resina, più lenta guarisce. Le stampanti senza serbatoi di costruzione a temperatura controllata (cioè tutte quelle economiche) beneficeranno di un’area di lavoro che viene mantenuta a una temperatura ambiente stabile per i risultati più coerenti.Quando la stampa in resina ha senso

Schiacciare ACQUISTA su una stampante in resina economica dal tuo rivenditore preferito ha assolutamente senso se sei pronto ad accettare o trattare ciascuno dei seguenti:Il volume di costruzione ti limiterà a piccoli oggetti.La preparazione, la manutenzione e la manipolazione possono essere disordinate e richiedono guanti. La ventilazione è buona a causa dell’odore di alcune resine e della necessità di lavare le stampe finite in alcool.I materiali di consumo includono più della resina e dell’alcool per il lavaggio delle parti. Anche la superficie di costruzione del serbatoio deve essere sostituita periodicamente. Per gli stampatori hobbisti, questo è un sottile film plastico come la pelle di un tamburo. Con le stampanti Formlabs, fa parte del serbatoio di compilazione.Il processo di installazione e pulizia della resina deve essere eseguito indipendentemente dalle dimensioni del lavoro, quindi è più efficiente eseguire stampe in batch piuttosto che singole tra loro. La resina ha anche una durata di conservazione limitata, quindi la resina seduta in un serbatoio di costruzione dovrebbe essere utilizzata prima piuttosto che dopo.Vi è un maggiore onere di post-elaborazione sotto forma di lavaggio delle parti, polimerizzazione aggiuntiva e rimozione del supporto.

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 4

Quando ha senso passare alla stampa 3D in resina? 4

Tutto ciò significa che ci sono costi nascosti per la stampa di resina oltre il prezzo della stampante e una bottiglia di resina. Se queste cose sembrano accettabili, allora approfitta delle opzioni economiche disponibili per la stampa su resina da scrivania e inizia a sperimentare. Perché quando le stampe escono bene, possono sembrare fantastiche.

Tieni presente che una stampante in resina non è in grado di sostituire la tua stampante basata su filamenti, perché sono strumenti diversi che sono bravi in ​​cose diverse.

Non sei pronto a fare il grande passo? Prototipare con FDM ed esternalizzare una stampa in resina è sempre un’opzione. Per quelli di voi che hanno già iniziato, quali sono le vostre esperienze con la stampa con resina? Qualche consiglio per il resto di noi? Fateci sapere nei commenti!

Source

Scopriamo il PETG – Fox Makers’s

PrimaCreator ™ EasyPrint FLEX 95A - 1,75 mm - 1 kg - Bianco

PrimaCreator ™ EasyPrint FLEX 95A - 1,75 mm - 1 kg - Bianco

Sarebbe impossibile camminare per quasi tutti i corridoi di un moderno negozio di alimentari senza imbatterti in qualcosa di plastica. Dai vasetti di burro di arachidi alle bottiglie di soda, insieme ai vassoi che tengono saldamente in posizione i biscotti per impedire la rottura o per far passare un pasto direttamente dal congelatore al microonde, il cibo è spesso a stretto contatto con una plastica appositamente studiata per il lavoro: polietilene tereftalato o PET.

Per i produttori di oggetti non alimentari, il PET e, soprattutto, il suo derivato, il PETG, hanno anche eccellenti proprietà che li rendono la scelta superiore per il filamento di stampa 3D per alcune applicazioni. Ecco uno sguardo alla chimica delle resine poliestere e come solo un leggero cambiamento può trasformare una fibra sintetica in un filamento di stampa 3D piuttosto utile.Non solo per i vestiti

Come molte materie plastiche con applicazioni pratiche, PETG è un copolimero. L’omopolimero su cui è costruito è il PET, o polietilentereftalato. Dalla famiglia di polimeri in poliestere, il PET è stato brevettato per la prima volta nel 1941 da una coppia di chimici britannici, John Whinfield e James Dickson. Come molti altri, stavano cercando fibre sintetiche come il nylon, che aveva fatto un grande salto quando introdotto da DuPont qualche anno prima.

Whinfield e Dickson hanno scoperto che una reazione di condensazione tra l’acido tereftalico acido organico, un composto originariamente isolato dalla trementina e il diolo glicole etilenico, che è il componente principale dell’antigelo automobilistico. Scoprirono che i monomeri si legavano insieme in lunghe catene, producendo una sostanza che poteva essere attirata in fibre sottili e trasformata in filo. Le leggi sulla segretezza in tempo di guerra mantennero la loro invenzione, soprannominata Terylene, nascosta fino al 1946.

Oggi, il PET è prodotto da altri processi. Il metodo DMT utilizza l’acido dimetil tereftalico, che è solo acido tereftalico con due gruppi metilici attaccati. Quando il glicole etilenico viene fatto reagire con DMT ad alte temperature e in condizioni di base, si verifica una reazione di transesterificazione, che collega le lunghe catene di DMT con un piccolo frammento del glicole etilenico. Questa reazione genera metanolo, che deve essere rimosso per continuare la reazione di polimerizzazione.

Scopriamo il PETG 2

Scopriamo il PETG 2

Il metodo DMT per la produzione di PET. Nella riga superiore, DMT a sinistra e glicole etilenico a destra vengono sottoposti a transesterificazione, producendo metanolo durante la crescita della catena PET. Fonte: Jü [CC BY-SA 4.0], da Wikimedia Commons

Versatile come il PET, non è privo di punti deboli. Sebbene sia molto adatto per la produzione di fibre sintetiche, non funziona bene in applicazioni in cui eccellono altri materiali termoplastici, come l’estrusione o lo stampaggio ad iniezione. È qui che entra in gioco PETG. La “G” sta per “glicole modificato”, che è una nomenclatura alquanto confusa. Molte fonti sembrano pensare che ciò significhi che il glicole viene aggiunto alla reazione di polimerizzazione, ma come abbiamo visto, il glicole etilenico fa già parte della reazione di polimerizzazione. La modifica del glicole si riferisce al fatto che parte del glicole etilenico nella catena in crescita viene sostituito con un altro monomero, risultando in un copolimero con proprietà diverse rispetto all’omopolimero.

Scopriamo il PETG 3

Scopriamo il PETG 3

Dimetanolo cicloesano (CHDM)

Nel caso del PETG, il comonomero è un altro diolo, dimetanolo cicloesano (CHDM). Questa molecola è molto più grande del glicole etilenico compatto, ma subisce la transesterificazione più o meno allo stesso modo della molecola più piccola. L’effetto dell’aggiunta di CHDM è che aumenta la distanza tra i residui di acido tereftalico, rendendo più difficile l’aggregazione delle catene polimeriche vicine. Ciò si traduce in una plastica trasparente con una temperatura di fusione inferiore rispetto al PET che può essere stampata ed estrusa.Il meglio di entrambi i mondi

Queste proprietà rendono il PETG e altri copolimeri del PET estremamente utili per i prodotti commerciali. Per i giocatori domestici, PETG è una scelta comune per i filamenti per la stampa 3D e fondamentalmente combina le migliori proprietà di ABS e PLA in un filamento con cui è facile lavorare. Ha una maggiore resistenza e una migliore flessibilità rispetto al PLA e il suo basso restringimento, l’ottima adesione dello strato e la tenace adesione del letto rendono meno probabile la deformazione o la delaminazione durante la stampa. Una caratteristica interessante rispetto sia al PLA che all’ABS è che PETG non ha un odore simile durante la stampa. Quindi, se sei stufo dei fumi che fanno puzzare il tuo negozio come un laboratorio di chimica organica, vale la pena provare PETG.

PETG vince anche sul PLA quando si tratta di fattori ambientali. Il PETG è resistente a molti solventi e resiste molto meglio all’esposizione al vento, alla pioggia e ai raggi UV rispetto al PLA, rendendolo un’ottima scelta per le applicazioni all’aperto. Il PETG non pigmentato è anche traslucido quando stampato, il che può dare un’estetica alle stampe che altri filamenti non possono. E il PETG è considerato una plastica resistente agli alimenti, ma ti consigliamo di prendere in considerazione altri fattori prima di usarlo a contatto con gli alimenti.

PETG non è perfetto, ovviamente. È più flessibile di ABS o PLA, il che può rappresentare un problema per alcune applicazioni. Ha anche la tendenza a frantumarsi improvvisamente quando stressato oltre i suoi limiti, invece di cedere gradualmente. E come ci si potrebbe aspettare da un polimero che discende dai tessuti, il PETG è soggetto a infilature durante la stampa. Questo è facilmente risolto con un’esplosione da una pistola termica, ma è ancora qualcosa da tenere a mente se stai cercando la forma oltre la funzione.

Se non hai provato PETG con una stampante 3D, dovresti farlo.

Source

E possibile duplicare chiavi con la stampa 3d?

certo che si!

La possibilità di duplicare le chiavi con una stampante 3D non è certo una novità, ma finora abbiamo visto solo la tecnica utilizzata contro la spesa relativamente bassa. Una cosa è stampare una chiave che aprirà un catenaccio da 15 euro dal negozio di ferramenta o un “lucchetto” approvato dalla TSA che è poco più di un giocattolo, ma una chiave ad alta sicurezza è un’altra storia. La geometria di questi tasti è molto più complessa, rendendoli troppo difficili da duplicare su una stampante di livello consumer. O almeno, lo pensi.

Ispirato alle precedenti chiavi stampate, [Tiernan makers inglese conosciuto nel mondo del 3d] voleva vedere se le tecniche potevano essere perfezionate per l’uso contro i lucchetti Abloy Protec ad alta sicurezza, che sono noti per la loro resistenza agli attacchi fisici tradizionali come il prelievo. Gli STL risultanti sono, ovviamente, al di là delle capacità della tua normale stampante FDM desktop. Ma con una stampante DLP Anycubic Photon s, ora è possibile aggirare in modo non distruttivo questi lucchetti molto apprezzati.

E possibile duplicare chiavi con la stampa 3d? 2

E possibile duplicare chiavi con la stampa 3d? 2

Naturalmente, queste chiavi sono troppo complesse per essere duplicate da una singola immagine, quindi dovrai avere la chiave fisica in mano e decodificarla manualmente.  lascia saggiamente questa fase del processo, quindi chiunque desideri utilizzare questo progetto dovrà avere una buona conoscenza pratica del sistema Abloy Protec. Speriamo che questo impedisca ai cattivi attori di fare qualcosa di troppo nefasto con questa ricerca.

Una volta che hai i valori decodificati per la chiave che vuoi duplicare, devi solo fornirli alla libreria OpenSCAD ha sviluppato e stampare l’STL risultante sulla tua stampante sufficientemente ad alta risoluzione. In generale, le parti prodotte dalla stampa a base di resina hanno un’alta resistenza alla trazione ma sono molto fragili, quindi forse non il tipo di cosa che vuoi attaccare nella tua costosa serratura Abloy. Detto questo, ci sono alcune formulazioni di “Resina dura” disponibili ora che producono parti che sono almeno forti come quelle realizzate con materiali termoplastici. Quindi, anche se i tasti stampati potrebbero non essere abbastanza resistenti per l’uso quotidiano, funzioneranno sicuramente in un pizzico.

Source

Aggiorna MS Office, Paint 3D per collegare le vulnerabilità RCE

Una settimana dopo la patch di aprile 2020, Microsoft ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza fuori banda per la sua suite Office, per correggere una manciata di vulnerabilità che gli aggressori potrebbero sfruttare per ottenere l’esecuzione di codice in modalità remota.

Vulnerabilità 3D

Vulnerabilità 3D

Allo stesso tempo, è stato rilasciato anche un aggiornamento di sicurezza per Paint 3D, l’app gratuita dell’azienda per la creazione di modelli 3D, perché la fonte delle vulnerabilità fisse è qualcosa che Office e Paint 3D hanno in comune: la libreria FBX di Autodesk.Informazioni sulle vulnerabilità

Autodesk – la società dietro il famoso software AutoCAD ma anche una varietà di altre app specializzate utilizzate da architetti, ingegneri, creatori di supporti digitali, produttori, ecc. – ha risolto sei vulnerabilità (da CVE-2020-7080 a CVE-2020-7085) nella sua FBX Software Developer Kit (SDK).

Tutto può essere attivato se un utente viene indotto ad aprire un file FBX dannoso appositamente predisposto e può creare una condizione DoS o far eseguire all’applicazione un codice arbitrario sul sistema sottostante.

Poiché la libreria Autodesk FBX è integrata nelle app MS Office e nell’app Paint 3D, l’elaborazione di contenuti 3D appositamente predisposti può portare all’esecuzione di codice in modalità remota.

“Un utente malintenzionato che ha sfruttato con successo queste vulnerabilità potrebbe ottenere gli stessi diritti dell’utente locale. Gli utenti i cui account sono configurati per avere meno diritti utente sul sistema potrebbero avere un impatto minore rispetto agli utenti che operano con diritti amministrativi utente “, ha spiegato Microsoft.Cosa fare?

Per sfruttare le vulnerabilità, un utente malintenzionato deve inviare un file appositamente predisposto contenente contenuto 3D a un utente e convincerlo ad aprirlo. (Basta visualizzarlo attraverso il riquadro di anteprima non è sufficiente per attivare lo sfruttamento.)

Il fatto che lo sfruttamento richieda l’interazione dell’utente rende le vulnerabilità importanti ma non critiche. Tuttavia, ingannare gli utenti nell’apertura di file casuali è, sfortunatamente, qualcosa che gli aggressori sanno fare bene.

Non ci sono fattori attenuanti o soluzioni alternative per i difetti, quindi gli utenti e gli amministratori sono invitati a implementare gli aggiornamenti forniti, soprattutto se si occupano spesso di file FBX.

Source

Le luci a LED di Abu Dhabi aiutano a ridurre i consumi

Le luci a LED di Abu Dhabi aiutano a ridurre i consumi 2

Le luci a LED di Abu Dhabi aiutano a ridurre i consumi 2

L’iniziativa del comune di Abu Dhabi City di sostituire i vecchi sistemi di illuminazione in sei sottopassi pedonali con moderne luci a LED ha contribuito a ridurre il loro consumo di energia del 33%. Secondo il dipartimento municipale, il passo rientra nel quadro della sua strategia per sostituire tutti i componenti del vecchio sistema di illuminazione con quelli moderni.

“La mossa riflette anche gli obiettivi del comune di sostenibilità e protezione ambientale. Questi hanno lo scopo di razionalizzare il consumo di energia e fornire un livello di illuminazione migliore “, ha affermato Ahmed Al Sayaari, direttore facente funzione di strade e infrastrutture interne del dipartimento.

Ha detto che il comune sta ora commissionando il nuovo sistema di illuminazione in sei sottopassi pedonali per garantire efficienza. A seguito di ciò, il Team di manutenzione e funzionamento delle strade interne e delle piazze pubbliche preparerà uno studio per sostituire il sistema di illuminazione tradizionale con il sistema di illuminazione a LED in tutti e 29 i sottopassi rimanenti nella capitale nella seconda fase del progetto.

I sei sottopassi comprendono due a Shaikh Zayed nella First Street e quattro lungo la Corniche Road.

Spiegando la nuova iniziativa, Al Sayaari ha dichiarato: “Il progetto di illuminazione che utilizza il moderno sistema di illuminazione a LED ha contribuito a ridurre il consumo energetico del 33%, migliorando il livello di visibilità e riducendo significativamente le spese annuali per i lavori di manutenzione.

“Il sistema di illuminazione a LED ha rivoluzionato il settore dell’illuminazione e il comune è appassionato di utilizzare le più recenti tecniche di illuminazione conformi ai più elevati standard internazionali. Il basso consumo energetico rispetto al sistema tradizionale ha comportato l’utilizzo di cavi elettrici con clip più piccole. “

Ha aggiunto che il nuovo sistema di illuminazione è anche ecologico a causa del mancato utilizzo di sostanze tossiche e nocive durante il suo processo di fabbricazione. “Di conseguenza, la riduzione del consumo di energia minimizzerebbe le emissioni di biossido di carbonio e ridurrebbe l’inquinamento luminoso; rendere il nuovo sistema di illuminazione di un’importante dimensione ambientale “, ha affermato Al Sayaari.

quindi sii come Al Sayaari e passa al led!

Meno impatto sull’ambiente ma anche sul portafoglio!!

Source

Guarda le stampanti 3D sfornare forniture mediche per combattere COVID-19

Guarda le stampanti 3D sfornare forniture mediche per combattere COVID-19 1

Guarda le stampanti 3D sfornare forniture mediche per combattere COVID-19 1

Ultime Novità 27 Aprile, 2020

Guarda le stampanti 3D sfornare forniture mediche per combattere COVID-19 2

Guarda le stampanti 3D sfornare forniture mediche per combattere COVID-19 2

Nell’ultimo decennio, la stampa 3D ha occupato alcune nicchie interessanti. È uno strumento di prototipazione inestimabile per innumerevoli settori e ha trovato un uso regolare in architettura, biotecnologie, protesi e molte altre discipline. L’aumento delle stampanti di qualità consumer ha anche dato vita a una vivace comunità di produttori. Ma per la maggior parte, la tecnologia è rimasta uno strumento di nicchia anziché un nome familiare.

Poi è arrivata la pandemia COVID-19. Gli ospedali di tutto il mondo hanno affrontato una spaventosa carenza di attrezzature mediche – elementi essenziali come maschere e scudi, test di tamponi, ventilatori e altro ancora. Mentre le catene di approvvigionamento tradizionali si sono dileguate per reagire, gli abiti per la stampa 3D grandi e piccoli hanno iniziato a tagliare via alla domanda a breve termine. La maggior parte delle stampanti 3D non è in grado di sfornare l’inventario rapidamente come altri metodi di produzione come lo stampaggio a iniezione, ma può produrre un’ampia varietà di progetti senza la necessità di nuovi stampi o di riattrezzaggio. Condividendo i design delle attrezzature e mettendo in comune le risorse, i membri della comunità della stampa 3D si sono uniti per diventare una sorta di alveare produttivo durante questa pandemia.

Source

Stampa 3D con filamenti di rame: proprietà e impostazioni

PLA Rust Copper

PLA Rust Copper

Il rame è stato a lungo apprezzato per il suo fascino visivo. I vari usi del rame nella progettazione architettonica ne sono una testimonianza. Dalle grondaie ai ripiani, la caratteristica patina marrone-verdastra del rame conferisce un aspetto distinto che l’ha mantenuta rilevante secoli dopo la sua prima scoperta.

Lavorare con il rame richiede abilità eccezionali, ma sapevi che puoi produrre oggetti con una finitura simile al rame usando solo una stampante 3D? Il filamento di rame ha dimostrato di essere uno dei più popolari e venduti tra i filamenti riempiti di metallo, principalmente a causa della qualità della stampa finita. Di cosa è fatto esattamente il filamento di rame e come viene utilizzato al meglio?Cos’è il filamento di rame?

Il filamento di rame è un esempio di filamento riempito di metallo insieme a ottone, bronzo e acciaio inossidabile. Il filamento è sostanzialmente costituito da una miscela di rame in polvere metallica sospesa in una matrice di PLA. L’uso del PLA come matrice di plastica aiuta a rendere il filamento di rame un materiale facile con cui lavorare. Il rapporto tra rame e PLA può variare in base alle diverse marche e questo rapporto ha effetti tangibili sul prezzo del filamento, sulle prestazioni di stampa e sulla qualità della stampa.

Ancora una volta, è importante notare la differenza tra il filamento di rame che è riempito di metallo e quelli che sono color rame. Il filamento riempito di metallo è molto più costoso ed è un po ‘più difficile da stampare, ma ti darà stampe in rame dall’aspetto più genuino. I filamenti color rame sono l’opzione più economica ma probabilmente non ti aiuteranno a convincere molte persone che hai lavorato con rame reale. È la tua decisione se scegli di scegliere un filamento color rame, ma ci stiamo concentrando su quelli pieni di metallo in questo articolo.Pro e contro del filamento di rame

Se è la prima volta che si passa da un filamento di plastica pura a uno composito, ci sono un paio di precauzioni a cui prestare attenzione e sfide da anticipare. Ciò non significa dipingere un quadro desolante del lavorare con i filamenti di rame: i risultati valgono lo sforzo e il prezzo extra.PROFESSIONISTI

1. Appello visivo unico

Non c’è niente di meglio di una stampa di alta qualità realizzata con filamenti di rame. Se sei stato ispirato dal classico design architettonico o dalla splendida patina verde della Statua della Libertà, la stampa con un filamento di rame è un ottimo modo per aumentare la tua creatività e farti eccitare di nuovo dalla stampa 3D. Il colore marrone scuro del rame starebbe benissimo su pezzi da esposizione personalizzati che puoi posizionare in casa o gioielli personalizzati che puoi indossare o regalare.

2. Sembra fantastico quando lucidato

Per gestire le tue aspettative, ti diciamo che una stampa in rame non ha un bell’aspetto proprio dalla stampante. La mancanza di linee di smalto e strati visibili rende un grande disservizio al potenziale del materiale. Ci vuole un po ‘di levigatura e lucidatura per far risaltare il colore e la lucentezza della polvere di rame incorporata. La polvere di rame esposta può anche essere ossidata con un po ‘di aceto per consentire lo sviluppo della caratteristica patina verde. In poche parole, il filamento di rame offre opportunità di finitura che non sarebbero state possibili con altri filamenti.

3. Più pesante del PLA standard

Le solite parti stampate in 3D con plastica tendono a sembrare economiche a causa della loro leggerezza. Tra il materiale plastico leggero e l’abbondanza di spazio vuoto nella maggior parte di queste stampe, passarle come prodotti di alta qualità richiede di solito una straordinaria striscia di marketing.

Le stampe realizzate con rame si vendono sostanzialmente. A parte la possibilità di una splendida finitura, una stampa realizzata con filamenti di rame può pesare due volte fino a tre volte rispetto a una stampa simile realizzata con PLA. Questa caratteristica caratteristica aggiunge un po ‘di qualità premium alle stampe riempite di rame che smentiscono il fatto che è stato realizzato utilizzando la stessa stampante 3D che può essere utilizzata per stampare con la plastica piena.CONS

1. Costoso

Il prezzo di un filamento riempito di rame dipenderà dalla quantità di rame effettivamente infusa nella matrice del PLA, ma una cosa è certa: è molto più costoso del PLA standard. La Virtual Foundry vende un filamento di rame con una composizione che è a corto di rame puro, dal 90% di rame al 10% di PLA. Una bobina da 1 kg di questo filamento costa circa $ 120.

A parte il prezzo per peso, dovrai anche tenere presente che il filamento è più denso della plastica pura. Ciò significa che la bobina da 1 kg di filamento di rame contiene molto meno filamento, in termini di lunghezza, rispetto alla bobina da 1 kg di PLA.

2. Filamento fragile

L’aggiunta di polvere di rame nella matrice PLA produce un filamento molto più fragile e rigido del PLA standard. Questo è ottimo per la stampa finita, ma non così buono per il filamento. Considerando quanto sottili sono questi filamenti, dovrai gestirli con molta attenzione in modo che non si spezzino. Non saremmo sorpresi se il tuo filamento di rame scatta nel mezzo della stampa, il che potrebbe portare a risultati disastrosi se non riesci a intervenire immediatamente. È un’ulteriore complicazione del processo di stampa con cui dovrai imparare a lavorare.

3. Materiale abrasivo

Come con altri filamenti riempiti di metallo, la presenza di polvere di rame nel filamento di rame lo rende più abrasivo per le parti della stampante 3D con cui viene a contatto. La tua più grande causa di preoccupazione dovrebbe essere il tuo ugello, specialmente se stai usando l’ugello in ottone da 0,4 millimetri che di solito viene fornito con stampanti 3D desktop.

Se hai intenzione di lavorare con molti filamenti riempiti di metallo, potresti voler investire in un ugello resistente all’abrasione in acciaio inossidabile. Dato che le particelle solide tendono a raggrupparsi vicino all’orifizio dell’ugello, è anche una buona idea ottenere un ugello più largo. Considera di passare a un ugello con un’apertura da 0,5 a 0,6 mm.Come stampare con filamenti di rame

Il bello della stampa con filamenti di rame è che l’esperienza non è molto diversa dalla stampa con PLA puro, con poche eccezioni. Ciò significa che non dovrai preoccuparti dei problemi di deformazione e non avrai nemmeno bisogno di un piano di stampa riscaldato.

Stampe di filamenti di rame da 190 a 220 ° C. Potresti notare che questo è lo stesso intervallo di temperature di stampa del PLA standard. Si consiglia di iniziare dall’estremità inferiore dell’intervallo e di aumentare la temperatura purché non si verifichino problemi di tesatura.

Un letto di stampa riscaldato non è necessario quando si lavora con filamenti di rame, ma dovrai trattare il tuo letto di stampa con uno strato di colla o nastro blu per pittori. La configurazione ideale avrebbe comunque un letto di stampa in vetro riscaldato impostato da 55 a 60 ° C. È possibile stampare direttamente su un piano di stampa riscaldato in vetro senza ausilio di adesione del letto.

La presenza di polvere di rame, un metallo altamente conduttivo, nel filamento rende molto facile la fusione. Ciò consente una stampa relativamente rapida del filamento di rame. Per iniziare, è possibile impostare la velocità di stampa su 30 mm / se aumentarla gradualmente fino a quando non si vedono segni di macchie o stringhe.

La natura conduttiva del rame significa che si raffredderà anche più rapidamente. Questo crea stampe più robuste e significa che non ha senso cercare di controllare la temperatura della camera di costruzione. Mantieni spenta la ventola di raffreddamento per i primi tre strati solo per aiutare con l’adesione del letto, quindi ruotala sulla massima impostazione da lì. Ciò dovrebbe aiutare il materiale a sviluppare la rigidità più velocemente e impedire il collasso di eventuali caratteristiche sporgenti.

La contrazione causata dal raffreddamento del rame dovrebbe essere sufficiente per staccarlo automaticamente dal piano di stampa. Altrimenti, una leggera spinta o sollevandolo con una spatola dovrebbe toglierlo senza troppe difficoltà. Una stampa in rame non lucidato non avrà un bell’aspetto, soprattutto perché la presenza di polvere di rame renderà la sua superficie ruvida e irregolare.

Fortunatamente, non ci vuole molto per affinare la tua stampa in rame. Un po ‘di levigatura aiuterebbe a uniformare la sua superficie ed esporre la polvere di rame incorporata nella matrice di plastica. Qui si applica la solita procedura di levigatura: iniziare con carta vetrata a grana grossa e arrivare alle versioni a grana più fine. È possibile applicare uno smalto metallico sulla superficie della stampa, ma anche strofinando la superficie con un panno morbido si dovrebbe ottenere un significativo miglioramento della lucentezza e della lucentezza della stampa.

Una delle tecniche di finitura più uniche che puoi fare con il rame sfrutta la sua vulnerabilità all’ossidazione. Ossidando volutamente il metallo con un po ‘di aceto, è possibile indurlo a sviluppare la patina verde distinta che è una caratteristica dei pezzi di rame classici.

Non ci vuole molto perché questo accada: basta bagnare un tovagliolo di carta con un po ‘di aceto e tamponarlo sulla stampa finita. La qualità della patina verde dipenderà dalla quantità di rame presente nel filamento. Puoi anche riscaldare leggermente le tue stampe (circa 40 ° C) per accelerare il processo di ossidazione.

Source

Spectrum filament in offerta speciale!

Spectrum filament in offerta speciale! 1

Spectrum filament in offerta speciale! 1

Ultime Novità 23 Aprile, 2020

Spectrum filament in offerta speciale! 2

Spectrum filament in offerta speciale! 2

da oggi per i prossimi 7 giorni e possibile acquistare una bobina di Pla qualità spectrum con sconto fisso sul carrello in oltre con l’acquisto di due bobine oltre lo sconto ricevi anche la spedizione gratuita. Altro fattore importate di ogni bobina spectrum e che sono dotati di un codice dove poter identificare e valutare la qualità della proprio bobina acquistata.. lo sapevi?

Non ci credi? verifica qui

Questo e il codice sconto da usare in fase di acquisto spertrum-13

Link del prodotto Spectrum

Source